Sempre pi√Ļ spesso la¬†stufa a pellet¬†rappresenta la soluzione pi√Ļ indicata per garantire un riscaldamento ottimale e un calore diffuso all’interno dell’abitazione in maniera uniforme, complice proprio l’utilizzo del pellet, particolare combustibile in grado di garantire tutto il calore necessario, a un prezzo tutto sommato irrisorio. Tuttavia per preservare nelle migliori condizioni tale¬†sistema di riscaldamento, occorre effettuare una corretta pulizia e manutenzione che ne garantisca il buon funzionamento e una totale efficienza anche sul lungo periodo. Ecco dunque una¬†guida utile¬†e completa su¬†come pulire una stufa a pellet¬†in maniera corretta e senza correre il rischio di danneggiarla accidentalmente.

Pulire stufa a pellet: i vantaggi di una corretta manutenzione

Una corretta¬†pulizia della stufa a pellet¬†risulta particolarmente importante¬†poich√©¬†tale operazione non solo presenta un notevole impatto sull’igiene dell’abitazione ma influisce in maniera significativa anche sulla¬†salubrit√† dell’aria¬†presente naturalmente in ogni ambiente che la costituisce. Una manutenzione adeguata consente inoltre di prolungare¬†la longevit√†¬†del dispositivo¬†prevenendo eventuali danni,¬†malfunzionamenti e guasti. In questo caso si parla dunque di manutenzione ordinaria, che pu√≤ essere effettuata in autonomia senza dover ricorrere all’intervento di un tecnico specializzato.

Manutenzione ordinaria stufa a pellet

La¬†manutenzione ordinaria della stufa a pellet, da effettuare quotidianamente in alcuni casi, meno frequentemente in altri, non coinvolge le componenti interne del dispositivo bens√¨ solamente quelle esterne facilmente accessibili. Una corretta¬†pulizia della stufa a pellet¬†pu√≤ essere effettuata semplicemente munendosi di un¬†bidone aspiracenere¬†(meglio se portatile e concepito per tale utilizzo) e di un tubo rigido per poter intervenire facilmente anche all’interno della canna fumaria.

La vaschetta che contiene la cenere ed entro la quale quest’ultima va a depositarsi andr√† pulita solo quando piena, mentre il braciere, privato di ogni genere di residuo ogni giorno. Anche gli¬†scambiatori termici¬†andranno opportunamente manutenzionati, preferibilmente dopo ogni utilizzo.

Prima di procedere con la pulizia, occorre assicurarsi che la stufa a pellet sia debitamente spenta, che i componenti risultino freddi e che la camera di combustione sia libera da tutti i residui di cenere generati dalla combustione del pellet stesso: in tutti i modelli che presentano una potenza da 11 ai 14 kW, quali ad esempio i modelli Asia Phebo Stufe o Coccinella Ng Air Pasian sarà necessario smontare preventivamente il braciere. Qualora invece la stufa presenti una potenza di 8,5 kW o inferiore, quale ad esempio il modello Frame Cadel questo passaggio non si renderà necessario.

Il modo pi√Ļ pratico ed efficace per effettuare una rapida pulizia prevede l’utilizzo di un¬†bidone aspiracenere, grazie al quale sar√† possibile rimuovere ogni residuo senza che questo possa¬†disperdersi nell’ambiente circostante. Qualora il modello scelto disponga di un cassetto estraibile, tale operazione non sar√† necessaria¬†poich√©¬†baster√† svuotare lo stesso all’interno di un sacchetto o di un contenitore. Alcuni modelli come ad esempio la¬†termostufa Aurora NG Idro Pasian, dispongono di un cassetto estraibile, entro il quale vengono isolate¬†le ceneri: in questo caso svuotarlo risulter√† ancora pi√Ļ semplice.

Particolarmente¬†importante¬†√® effettuare una corretta¬†pulizia delle parti esterne¬†del dispositivo, avvalendosi di un panno preferibilmente asciutto e morbido ed evitando l’utilizzo di detergenti particolarmente aggressivi o abrasivi che possano pregiudicare le superfici esterne, lucide e laccate. Operazioni¬†come pulire vetro stufa pellet¬†richiedono una particolare accuratezza: in questo caso √® indicato l’utilizzo di un panno in microfibra abbinato a¬†prodotti per pulire vetro stufa a pellet specifici e professionali in grado di garantirne l’integrit√†, la lucidit√† e trasparenza.

Pulire canna fumaria stufa a pellet e manutenzione straordinaria

La¬†pulizia della canna fumaria¬†rientra nella manutenzione straordinaria, questo¬†poich√©¬†pu√≤ richiedere l’intervento di personale qualificato. Qualora tuttavia si possieda la manualit√† necessaria, sar√† sufficiente intervenire dall’alto, inserendo all’interno¬†del condotto un tubo rigido in grado di staccarne dalle pareti, tutti i¬†residui e incrostazioni¬†che a lungo termine potrebbero determinare malfunzionamenti. Tale operazione pu√≤ essere effettuata circa una volta¬†all’anno, pi√Ļ frequentemente, con cadenza preferibilmente trimestrale qualora l’utilizzo della stufa risulti quotidiano e superi le 15h.

Discorso analogo per quanto riguarda la¬†manutenzione del condotto del fumo¬†che fa da collegamento tra la stufa e la canna fumaria ed √® caratterizzato da una serie di tubazioni collegate tra loro mediante guarnizioni che possono essere facilmente svitate. In questo caso¬†pulire tubi stufa a pellet¬†rappresenta un’operazione relativamente semplice: si operer√† dal basso dopo aver individuato il¬†vano d‚Äôispezione¬†del condotto e una volta rimossa la guarnizione, occorrer√† ispezionare l’interno della tubazione, avvalendosi di uno scovolino in grado di rimuovere sporco e incrostazioni,¬†spazzolandone la superficie interna.

Quando si parla di manutenzione, una tra le domande pi√Ļ frequenti √® sicuramente la seguente:¬†come pulire candeletta stufa a pellet? La candeletta¬†√® un elemento necessario per¬†riscaldare il pellet¬†caratterizzandone la combustione. Qualora smetta di scaldare adeguatamente pu√≤ essere necessaria la sostituzione o semplicemente provvedere alla pulizia. In questo caso occorre svitarla dal suo alloggiamento posto in prossimit√† del braciere, e¬†rimuovere residui di cenere e incrostazioni¬†utilizzando semplicemente una spazzolina in ottone, morbida e flessibile, operazione da effettuare preventivamente almeno ogni mese onde evitare malfunzionamenti o anomalie.

Solo con una corretta manutenzione ordinaria e straordinaria √® possibile preservare il dispositivo a pellet efficiente e funzionale. Importante per√≤ √® l’utilizzo di¬†combustibile di qualit√†, che non risulti troppo umido e¬†scuro: questo per evitare non solo la produzione di fumi nocivi ma anche per favorire l’ottimale riscaldamento degli ambienti,¬†costituendo¬†meno residui.

Written by Biocalor